I Francescani di Uganda ospitano Papa Francesco

Giorno 27 novembre 2015, Papa Francesco ha visitato il Santuario Nazionale dei Martiri di Uganda a MUNYONYO - luogo testimone delle persecuzioni dei Cristiani nella seconda metà del XIX secolo.

S. Carlo Lwanga e i 21 Compagni Martiri (canonizzati da Paolo VI nel 1964), appartenenti alla corte del Re Mwanga, erano dei neofiti di fede cattolica. Non acconsentendo alle promiscue richieste del Re Mwanga, hanno preferito morire piuttosto che tradire i valori del Vangelo. Il re si infuriò comandando di torturarli, di tagliarli a pezzi e bruciarli vivi.
Proprio Munyonyo è il luogo dove nel 1886 ebbe inizio il Martirio, che si concluse a Namugongo. A Munyonyo hanno dato la loro vita i capi-catechisti della comunità cristiana: St. Andrew Kaggwa, St. Denis Ssebugwawo e St. Charles Lwanga.
L’Arcivescovo di Kampala, Mons. Ciprian Kizito Lwanga, ha affidato il Santuario di Munyonyo alla cura pastorale dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, quali suoi principali organizzatori e custodi. I Frati, aiutati dall’Arcivescovo, stanno ricostruendo il Santuario quale voto di gratitudine per l’occasione del 50° anniversario della canonizzazione dei martiri. Inoltre, presso il Santuario, con l’aiuto dell’Ordine, i Frati stanno erigendo il loro convento e il Centro Nazionale di Formazione per i Leaders Cristiani.
È da questo Santuario a Munyonyo, che il Papa ha iniziato la sua visita in Uganda. Qui Egli ha incontrato i catechisti e gli insegnanti di tutto il Paese. Inoltre il Santo Padre ha benedetto la prima pietra per il nuovo Santuario, proveniente dalla Tomba di San Francesco ad Assisi.
Il Papa ha salutato la Comunità dei Frati, Custodi del Santuario, in particolare: Fra Tadeusz Świątkowski, Delegato del Ministro generale e Assistente generale per l’Africa, Fra Jarosław Zachariasz, Ministro Provinciale di Cracovia, Fra Marian Gołąb e Fra Adam Klag, Custodi del Santuario e Fra Wojciech Ulman, Guardiano.
La Missione di Uganda, iniziata nel 2000, appartiene alla Provincia di Cracovia. I Frati, oltre al ministero nel Santuario, sono impegnati anche in quello parrocchiale, sociale, caritativo ed educativo (sono presenti in due diocesi, nei luoghi di: Kakooge, Matugga e Munyonyo). Si stanno anche impegnando nell’animazione vocazionale, che ha dato già dei buoni frutti, poiché ad oggi si contano 13 giovani in formazione di cui: 1 in Teologia (Fra Lumbuye Stevenson), 2 in Filosofia (Fra Musanya Francis e Fra Katumba Godfrey), 4 Novizi (Nicholas Lada, Paul Mutaasa, Kironde Edward, Kaddu Augustine) e 6 Postulanti.

Fra Tadeusz Świątkowski OFMConv